top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreSMF Focolari

L'impatto delle ONG in Brasile nelle loro diverse aree di attività

"Il concetto di ONG è stato formulato nel 1940, dall'Organizzazione delle Nazioni Unite - ONU, per caratterizzare le entità della società che agivano in progetti umanitari o di interesse pubblico. In Brasile svolgono un ruolo fondamentale in diverse aree di azione", afferma Liara Laís Scheid, docente di dottorato presso l'Università di Caxias do Sul.


Fonte: pubblicità/SMF


Cos'è il Terzo Settore e cosa rappresenta per la società?


Secondo la stessa autrice, "la società può essere divisa non in modo gerarchico, ma piuttosto in modo settoriale, sulla base di un modello di organizzazione di ciascun gruppo di attori. Questi attori sono divisi in settori, dove il primo è composto dal Governo, responsabile di questioni che coinvolgono la popolazione nel suo complesso, cioè ha finalità pubbliche; il Secondo Settore è quello privato, che si mescola a questioni individuali; già il Terzo è costituito dal secondo settore - i privati, ma con le caratteristiche di azioni rivolte a chi è destinato dal Governo: la popolazione".


Il Terzo Settore si differenzia dagli altri settori dell'economia, perché è formato da persone e/o enti privati che operano con finalità pubbliche. È in ascesa nell'economia mondiale e secondo la Gazeta Mercantil (maggio 2002 apud TACHIZAWA, 2004, p. 21) "muove più di 1.000 miliardi di dollari di investimenti nel mondo, di cui circa 10 miliardi in Brasile, pari all'1,5% del PIL". In accordo con questo autore, Almeida (2001, apud BAHL, 2004, p.75) afferma che "il Terzo Settore in Brasile ha mosso 8 miliardi di dollari".


Le ONG fanno parte del cosiddetto "terzo settore" e comprendono agenti privati che lavorano per scopi pubblici, sviluppando azioni per il bene comune. In questo modo, si può percepire l'ambito di applicazione delle ONG, che possono avere come temi guida diverse tematiche come la società, l'ambiente, la salute mentale, tra le altre. La percezione dell'importanza che le entità non governative hanno per l'intera società ci fa chiedere: qual è l'impatto e il ruolo delle Organizzazioni Non Governative in Brasile e nel mondo?


Le ONG sono entità private, senza scopo di lucro, con l'obiettivo di aggiungere o migliorare qualcosa in una certa società; sono composte da persone private che hanno un interesse pubblico, con l'intenzione di migliorare qualche area della società che merita un'attenzione speciale da parte del potere pubblico.


In Brasile, le loro azioni variano in diversi segmenti, come l'istruzione, la salute, la comunità, il sostegno ai bambini e agli adolescenti, il volontariato, l'ambiente, il sostegno alle persone con disabilità, le partnership con il governo e altre categorie di azioni. Questi esempi sottolineano l'ampiezza e la portata delle azioni svolte da queste organizzazioni, che fanno parte di oltre 540 mila entità registrate del Terzo Settore in tutto il mondo (TACHIZAWA, 2004).


Fonte: pubblicità/SMF


Le diverse aree di attività di una ONG


Secondo Dias (2003), le ONG sono organizzazioni che realizzano le azioni più diverse che hanno in comune questioni specifiche o che coinvolgono gruppi sociali specifici. Queste azioni possono essere considerate complementari a quelle condotte dallo Stato, come, ad esempio, i progetti che il Ministero dell'Ambiente realizza a favore della biodiversità sia della fauna che della flora e, a complemento di questi, ci sono organizzazioni no-profit come Greenpeace, che lavora con proposte di prevenzione e correzione ambientale, oltre a campagne pubblicitarie per sensibilizzare la popolazione.


Ci sono anche ONG come la Fondazione Bradesco, l'Istituto Natura, la Fondazione Abrinq, l'Associazione APAE, ChildFund Brasil, Amigos do Bem, SMF e altre che agiscono in settori come la salute, la costruzione di case, lo sradicamento della povertà, l'eliminazione della fame e della sete, lo sviluppo dei bambini, degli adolescenti, dei giovani, degli adulti e degli anziani, nonché l'economia, l'istruzione, la ricerca, i progetti, la sostenibilità, la formazione dei professionisti e altre con vari altri scopi.


La caratteristica principale delle ONG brasiliane è la loro attività collettiva organizzata. Da questo punto di vista, l'Istituto di Ricerca ed Economia Applicata - IPEA ha condotto un'indagine su 780.000 organizzazioni private, da cui è emerso che il 59% di queste ha investimenti rivolti alle comunità bisognose, come ad esempio nella salute, nell'istruzione, nell'alimentazione, nello sport e nella cittadinanza (TACHIZAWA, 2004). Risulta quindi evidente la posizione attuale della maggior parte dei brasiliani, che cercano di investire parte del loro reddito e/o delle loro conoscenze nell'equilibrio della parola "cittadinanza", il cui scopo è far sì che tutti i cittadini abbiano gli stessi diritti e le stesse opportunità.


Secondo i dati della Mappa delle Organizzazioni della Società Civile (OSC/2016), queste organizzazioni in Brasile raggiungono le 323.000 unità, di cui il 44% si trova nel Sud-Est, il 22% nel Nord-Est, il 6% nel Midwest, il 6% nel Nord e il 22% nel Sud. Queste organizzazioni sono formate e dirette da membri della società, impegnati in cause per il bene comune, soprattutto per il miglioramento della qualità della vita delle popolazioni in situazioni di vulnerabilità sociale (Marinho, Bezerra, Oliveira, Lima, & Santos, 2011).


Fonte: pubblicità/SMF

L'impatto del lavoro delle ONG in Brasile


IDIS, l'Istituto per lo sviluppo dell'investimento sociale, ha pubblicato nel 2020 il rapporto "Brazil Giving Report: A Portrait of Giving in Brazil", che mostra come i brasiliani hanno praticato il dono, il volontariato e l'impegno civico nell'anno precedente.


Il risultato ha rivelato che otto brasiliani su dieci affermano che le organizzazioni sociali hanno un impatto positivo sul Paese nel suo complesso (82% nel 2019 contro il 73% del 2018) e sulle loro comunità locali (80% contro il 73% del 2018). I giovani sono i più propensi ad avere questa opinione positiva. Quasi nove persone su dieci (87%) tra i 25 e i 34 anni riconoscono un impatto positivo sulla propria comunità locale.


Il termine "impatto sociale" è concettualizzato come un cambiamento significativo e a lungo termine nella vita delle persone come conseguenza di una particolare azione o serie di azioni (Barrow, 2002; Ebrahim & Rangan, 2014). Tale impatto può rappresentare sia un progresso significativo che un degrado del benessere di una popolazione (Goldman & Baum, 2000), poiché il cambiamento nelle pratiche sociali porta a una trasformazione sociale (Howadt, Domanski, & Kaletka, 2016).


L'impatto sociale deriva quindi dalle esperienze vissute dalle persone, come individui o come gruppo, in senso fisico o cognitivo (Vanclay, 2002; Jones, McGinlay, & Dimitrapoulos, 2017). L'impatto sociale influenza potenzialmente la qualità della vita delle persone che beneficiano di un'azione, qualunque essa sia (Yuruk, Akyol, & Simsek, 2017). Le azioni possono contribuire a ridurre i livelli di povertà delle persone e delle comunità, rafforzare la sicurezza, offrire opportunità, fornire empowerment (Canavire-Bacarreza & Hanauer, 2012; Clements, Suon, Wilkie, & Milner-Gulland, 2014; Ferraro & Hanauer, 2014), tra le altre conseguenze.


L'impatto sociale è inteso anche come qualcosa che ha una familiarità o una qualche connessione con un progetto che riguarda o interessa gli stakeholder (gruppi di interesse), a condizione che sia apprezzato e importante per un gruppo specifico (Vanclay, With, Aucamp, & Franks, 2015). Sempre secondo gli autori citati, il progetto dovrebbe quindi occuparsi di tutto ciò che è rilevante per le persone e il loro stile di vita e permettere di capire come influirà su ciò che è importante per i suoi stakeholder.


In questo senso, secondo Vanclay (2003), i cambiamenti in uno o più dei seguenti contesti sono considerati impatto sociale:


a) stile di vita delle persone: come vivono, lavorano, giocano e interagiscono tra loro nella vita quotidiana;


b) cultura: credenze, costumi, valori, lingua o dialetto;


c) comunità: armonia, stabilità, carattere, servizi, alloggi;


d) sistemi politici: la misura in cui le persone sono in grado di partecipare alle decisioni che riguardano la loro vita, il grado di democratizzazione che si sta verificando, le risorse fornite a questo scopo;


e) ambiente: qualità dell'aria e dell'acqua, disponibilità e qualità del cibo;


f) livello di pericoli o rischi: polveri e rumori a cui gli individui sono esposti, adeguatezza dei servizi igienici, sicurezza delle caratteristiche fisiche, accesso e controllo delle risorse;


g) salute e benessere: comprensione del fatto che la salute è uno stato di benessere fisico, mentale, sociale e spirituale e non solo l'assenza di malattie o infermità.


h) diritti personali e di proprietà: soprattutto quando le persone sono economicamente svantaggiate o subiscono uno svantaggio personale, che può includere la violazione dei loro diritti civili;


i) paure e aspirazioni: percezione della propria sicurezza, timori per il futuro della propria comunità e aspirazioni per il proprio futuro e quello dei propri figli.

1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentários


APOIE, DOE E AJUDE

QR Code Ajuda SMFocolari
bottom of page