top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreSMF Focolari

Giornata degli scrittori | Relazione di Rogerio Plato

Nel giorno dello scrittore, il nostro grande amico e collaboratore Rogério Platão ci lascia una bellissima storia. La sua esperienza ci parla di scoperte, di conoscenza di sé, di nuovi orizzonti e di infinite possibilità!


Grazie Rogério Plato, e auguri per la Giornata dello scrittore!


Foto: Rogério Platão


Ricordo delle mie letture

Ricordo, con grande affetto, i primi contatti che ho avuto con la lettura. Confesso che all'inizio tutto mi sembrava strano, perché non vedevo alcun significato in quello che leggevo, o meglio, decodificavo. Non c'era familiarità tra me e il testo, scorrendo i suoi periodi sintattici e non costruendo o vedendo la sua semantica. Questa procedura errata contribuisce troppo alla mancanza di interesse per la lettura e ci impedisce di fare infinite scoperte.


Non so se ho invertito l'ordine naturale dell'arte, ma per quanto riguarda il leggere, conoscere, imitare e poi creare, il mio percorso è stato quello di scrivere, poi conoscere, leggere e confrontare. In questa circostanza ho potuto constatare che uno scrittore nasce con un dono, basta perfezionarlo attraverso la ricerca e la lettura diversificata.


Ero al liceo quando, per la prima volta, sentii parlare di Macunaíma, un'opera incantevole del nostro grande scrittore modernista Mário de Andrade. Il modo in cui l'insegnante spiegò la storia mi rese inquieto, e andai subito alla ricerca del libro e feci la mia prima lettura. Devo ammettere che non è stato facile invadere l'universo della letteratura, tanto più sapendo che non ne avevo alcuna conoscenza. Ho fatto instancabilmente ricorso al dizionario, alla ricerca di alcuni significati delle parole implicite, dato che mi sono imbattuta in un vocabolario così corto del mio. Affermo, senza alcuna restrizione, che ciò che si sperimenta per la prima volta non è sempre bello; è felice chi è soddisfatto e dice che ne è valsa la pena. Questa prima lettura non mi ha reso in alcun modo un amante della letteratura, forse mi ha anche lasciato un po' deluso da quest'arte. Arte? Che cos'era l'arte per me a quel tempo? Solo i disegni, di cui facevo letture superficiali, perché non c'era nessun supporto per vederne il contesto, sapevo a malapena cosa fosse il riferimento.


Alla fine di questa lettura, ho deciso di fare ciò che era necessario, non perché volessi distinguermi tra i miei compagni, ma per ratificare all'insegnante che c'era interesse a capire meglio quell'opera. Che bello! È stato bello sentire tante belle parole pronunciate dal mio motivatore in quel momento, mi ha fatto risvegliare al mondo della lettura. Ho scoperto allora che non ci sono segreti o muri, tutto dipende dalla nostra volontà e dalla nostra ricerca. Dobbiamo ripensare all'espressione: "Nella vita tutto accade al momento giusto". Facciamo attenzione, perché se aspettiamo il momento giusto, le opportunità possono passare inosservate nella nostra vita.


Sono passati alcuni anni, ho letto romanzi, poesie, racconti, cronache, favole, apologie, notizie, articoli, e fino a oggi posso dire che c'è ancora molto da imparare nel mondo della lettura, perché anche gli scrittori più rinomati vivono circondati da incertezze e cercano di trovare soluzioni a ogni nuova opera che creano. Mi piace molto una frase del filosofo tedesco (XIX secolo) Karl Jaspers, che dice: "Chi si dedica alla filosofia, si mette alla ricerca dell'uomo, ascolta ciò che dice, osserva ciò che fa e si interessa alle sue parole e alle sue azioni, desiderando partecipare, insieme ai suoi concittadini, al destino comune dell'umanità." Mi fa capire come si costruisce la conoscenza e come gli esseri umani scrivono la loro storia, a modo loro, ma senza perdere di vista la loro essenza e la loro cultura.


Credo, con tutto il cuore, in ciò che mi rende qui e in ciò che sono. La mia avventura consiste nel ricercare, insegnare e imparare da coloro a cui faccio da mentore ogni giorno. Se io sappia molto o meno, solo coloro ai quali impartisco informazioni sono in grado di dirlo, ma come disse William Shakespeare (1600): "Ci sono molte più cose tra cielo e terra di quante la nostra vana filosofia possa immaginare", vedo qualcosa di nuovo in ogni alba e lo trasformo in conoscenza. Quando si tratta di leggere, il risultato per me è la maturazione del mio repertorio comunicativo, scritto e linguistico, così come ogni altra persona, sono destinato all'errore, allo sbaglio, e cerco di approfittarne correggendomi eticamente e senza perdere di vista il rispetto per il prossimo.


Se oggi qualcuno mi chiedesse che cos'è la lettura, risponderei semplicemente: "leggere è prima di tutto scoprire se stessi, poi l'altro e il mondo". Grazie a tutti coloro che hanno fatto parte della mia traiettoria, indicandomi sempre il nord da seguire e sostenendomi nelle sfide che la vita mi ha lanciato. Chiudo il mio intervento dicendo a te, lettore, che non esiste una ricetta pronta per chi vuole avventurarsi in questo incantevole universo, leggi ciò che ti dà piacere e alimenta il tuo desiderio, che sia un oroscopo, un giornale, un fumetto, un articolo, una poesia o un romanzo, non importa, ciò che conta davvero è acquisire informazioni. In questo modo maturerete sicuramente il modo in cui vi guardate intorno e vi renderete conto che la lettura vi porta oltre l'orizzonte ed è una sensazione unica e particolare. Allora, qual è la vostra storia?


(PLATO. Rogério. Ricordi delle mie letture. Rapporti)

1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


APOIE, DOE E AJUDE

QR Code Ajuda SMFocolari
bottom of page